Homepage

REGOLAMENTO

Articolo 1

La giustizia siamo noi “ è una organizzazione che lega un gruppo di persone dal vincolo aggregativo e che stabilizza e prevede specifiche attività per raggiungere obbiettivi comuni.

Articolo  2

L’organizzazione  mira al soddisfacimento degli  interessi, sia individuali che collettivi, delle persone che si sono aggregate.

Articolo  3

Le persone che si aggregano all’organizzazione sono denominati  “militanti ”  debbono aver raggiunto la maggiore età e debbono contribuire anche economicamente all’esistenza dell’organizzazione tramite  un gettone d’ingresso pari a € 50,00 che andranno versati una volta effettuata la registrazione al sito (riceverete una mail dopo la registrazione con tutti i dettagli).

Articolo 4

I militanti debbono impegnarsi attivamente con una costante partecipazione nell’ambito di un azione di lotta e propaganda con specifiche funzioni.

Articolo  5

I militanti oltre  ad una costante partecipazione attiva, debbono garantire all’organizzazione anche un contributo economico per il soddisfacimento e il buon esito degli obbiettivi comuni.

Articolo 6

La leadership composta dagli ideatori e promotori dell’organizzazione ha il compito e la facoltà di decidere le attività e le iniziative necessarie per raggiungere gli obiettivi comuni e determinare  i costi necessari.

Articolo 7

La leadership ha la facoltà di proporre e decidere le attività che debbono essere trattate con priorità per raggiungere gli obbiettivi comuni.

Articolo 8

Le risorse economiche necessarie per raggiungere gli obbiettivi comuni saranno discussi e definiti  con  i militanti nelle riunioni che si terranno variabilmente dal 1° al 5° giorno di ogni mese,  con avviso pubblicato sulla piattaforma online, dove sarà indicata anche la locations e la data della riunione, notizie alle quali potranno accedere solo gli aggregati militanti.

Articolo 9

Le scelte e le priorità decise, saranno  contenute in un apposito programma con uno specifico obbiettivo finale da pubblicare sulla piattaforma on line dell’organizzazione il giorno 10  di ogni mese.

                                            Articolo 10                                              

Il mancato rispetto anche di un solo articolo del presente regolamento determina l’esclusione del militante dall’organizzazione.

 

Il Programma

                               

  1. L’organizzazione come primo obbiettivo comune finale ha quello di creare una forma di giustizia alternativa, ovvero sostitutiva a quella attuale, oramai non più degna di essere presa in considerazione.
  2. L’attuazione dell’obbiettivo è strutturato in più fasi.
  3. Saranno nominati tre Giudici tra i soggetti qualificati scelti tra i militanti e votati dagli stessi militanti.
  4. Verranno individuati attraverso esame documentale e per testi l’atteggiamento di taluni Capi degli uffici giudiziari ,di magistrati e cancellieri, che attualmente sono in servizio presso il nostro Palazzo di Giustizia di Firenze e che hanno compiuto atti e comportamenti abnorme, i cui nominativi e le attività censurate dovranno essere resi pubblici attraverso una divulgazione a tappeto tra i cittadini con la incessante opera dei militanti attraverso i media, il web , le testate  giornalistiche e con  i vari mezzi di informazione
  5. Tali soggetti dovranno poi essere immediatamente cacciati senza stipendio e senza lavoro, usando se occorre tutte le metodiche necessarie e opportune per raggiungere l’ obiettivo comune di cui al punto A.
  6. Saranno istituite apposite camere di mediazione dove trattare le varie tipologie di contenziosi e saranno riformate ordinanze e/o sentenze già emesse che non hanno rispettato la Legge, tant’è che saranno cestinate, anche in considerazione che sono state emesse “IN NOME DEL POPOLO ITALIANO” e il popolo italiano non vuole essere nè complice di atti che provengono da soggetti malavitosi nè intende più permette di far usare la propria denominazione per far realizzare  atti ideologicamente falsi e abnorme.
  7. Saranno emesse sentenze sostitutive rispettose della legge
  8. I Magistrati sia penali che civili che avranno emesso provvedimenti e/o sentenze risultate abnorme, avendo provocato danni ai cittadini, saranno ulteriormente puniti, oltre che con la perdita del lavoro e dello stipendio, anche con  misure cautelari patrimoniali e personali.
  9. Questo programma ha la finalità di escludere , ignorare, abolire, la magistratura in generale , che ha dimostrato di non avere i requisiti per continuare ad esistere e soprattutto che non è più degna di essere presa in considerazione dal popolo onesto.
  10. L’obbiettivo comune è che non intendiamo  più stipendiare questa magistratura corrotta e collusa che ci costa  più di 3 MILIARDI DI EURO L’ANNO e che ha  distrutto l’economia proprio attraverso complotti corruttivi e collusivi sempre e solo a scapito del popolo italiano onesto.
  11. L’obbiettivo comune quindi è quello di liberarci definitivamente di questa criminalità organizzata che è appunto l’organo della magistratura e dei suoi ausiliari, ai vari livelli

Diventa ORA Militante di questa organizzazione.
Prendi parte al cambiamento!

REGISTRATI ADESSO! CLICCA QUI!